Qual è la differenza tra traduzione e localizzazione?

In estrema sintesi, tradurre significa trasferire in modo più fedele possibile il senso di un testo da una lingua a un’altra. Per quanto semplice possa sembrare, questo processo è raramente una linea retta tra due punti, percorribile cercando parole sul dizionario e ricostruendo la sintassi e la grammatica delle frasi originali. Oltre a un’ottima conoscenza della lingua di partenza e alla completa padronanza di quella di arrivo, servono spesso molta creatività ed elasticità mentale. Ma quando si tratta di promuovere all’estero l’identità o i prodotti di un’azienda, la traduzione si trasforma in un processo pieno di sfide.

Sfide culturali. Nel mondo anglofono i gatti hanno nove vite; in Italia, Spagna e Germania solo sette. In Occidente il bianco rappresenta la purezza, la pace, la santità; in Asia rappresenta per lo più la sfortuna, la morte e il lutto. E se per un americano sarà abbastanza spontaneo fare parallelismi con il football, per un europeo saranno probabilmente più naturali quelli sul calcio. Le espressioni idiomatiche, le emozioni suscitate dai colori e le metafore legate allo sport sono solo qualche esempio di quanto la nostra cultura influenza il modo in cui ci esprimiamo.

Sfide tecniche. Che giorno è il 01/07/12? Dipende: in Italia è il 1° luglio 1912, negli USA il 7 gennaio 1912, in Ungheria il 12 luglio 1901. E che ore sono le 11.00? Un europeo avrà pochi dubbi, mentre un americano si chiederà: “AM o PM?”. Convertire secondo gli standard locali gli orari di un servizio di assistenza telefonico, la temperatura di conservazione di una bevanda o il costo dei prodotti su un sito di e-commerce significa avere cura del lettore, che non dovrà preoccuparsi di fare errori e più semplicemente non rischierà di restare confuso.

Sfide legali. Documenti come il contratto di licenza di un software, il foglietto illustrativo di un farmaco o la scheda dati di sicurezza di una sostanza chimica non possono essere tradotti liberamente: la terminologia deve essere conforme a quella delle leggi locali e dei regolamenti europei o internazionali. L’età minima per usare un videogioco online o guidare un monopattino elettrico può cambiare di stato in stato, e la traduzione deve essere adattata di conseguenza. Allo stesso modo, se il nome di un prodotto non è depositato in tutto il mondo, occorrerà usare con cautela il simbolo di marchio registrato.

Ogni testo di natura commerciale presenta problemi di diversa natura: per affrontarli serve oltrepassare il confine sottile che separa la traduzione dalla localizzazione, due attività molto simili ma allo stesso tempo molto diverse tra loro.

 

Quali sono i vantaggi della localizzazione?

Per definizione la localizzazione è il processo di adattamento di prodotti e servizi alle caratteristiche del paese in cui saranno venduti. Da un punto di vista pratico, la localizzazione è un investimento che permette di far sentire come locali i contenuti pensati per un mercato globale. Una traduzione adattata alla cultura del paese di destinazione permette di far suonare naturali e coinvolgenti campagne marketing, comunicati stampa e siti web. Rispettare standard tecnici come il formati di ora e data e la valuta contribuisce a migliorare l’esperienza del cliente e consolidare la sua fiducia nel marchio. E adeguarsi agli aspetti legali garantisce che tutti i testi siano pertinenti e accurati anche dal punto di vista giuridico.

La localizzazione è un’attività che richiede un alto livello di competenze ed esperienza. Noi ce ne occupiamo dal 1997 e possiamo aiutarvi a creare un ponte con i vostri clienti in ogni parte del mondo.

 

Per saperne di più: